Indicazioni

La prostata è una ghiandola presente nell’apparato genitale maschile che ha molteplici funzioni: prima fra tutte, quella di produrre il liquido seminale, che nutre e veicola gli spermatozoi nella loro corsa verso la fecondazione della cellula uovo; inoltre ha la funzione di difendere i testicoli e le vie urinarie.

Per queste ragioni il suo ruolo è davvero importante nel corso della vita di un uomo: la prostata, situata a 7 cm circa dall’ano e appena sotto la vescica, inzia a svilupparsi nella pubertà e aumenta le sue dimensioni con il passare degli anni per effetto di alcuni ormoni maschili, uno fra tutti il testosterone.

E’ opportuno che la ghiandola prostatica goda di ottima salute, ma molto spesso accade, soprattutto negli uomini con un’età superiore ai 40 anni, che subentrino delle patologie, alcune gravi come il tumore alla prostata, altre meno gravi come la prostatite o l’ipertrofia prostatica.

Nella maggior parte dei casi, l’insorgere di queste patologie è legato ad un accumulo di sperma nella prostata che dovrebbe fuoriuscire.

Un buon metodo per prevenire l’insorgere di queste patologie o quantomeno ridurre il rischio di

In Giappone sono note le indicazioni del massaggio prostatico

Indicazioni positive del massaggio prostatico giungono già dall’antico Giappone

contrarle è il massaggio prostatico, un vero e proprio massaggio della ghiandola prostatica che può essere effettuato a mani nude o con l’utilizzo di massaggiatori meccanici e che può essere interno (grazie all’introduzione di un dito nell’ano dell’uomo) o esterno (tramite un massaggio al perineo, la zona compresa tra i testicoli e l’ano). L’enorme valore e positività che questo massaggio può produrre nell’organismo maschile, non solo a livello di prostata, ma anche di appagamento sessuale è stato riconosciuto, non solo in Giappone e in molte culture orientali, ma anche in Occidente da molti medici che, fino all’uso di antibiotici e antinfiammatori, hanno praticato il massaggio prostatico, spesso solo come esame per verificare lo stato di salute della prostata del paziente.

Tra i tanti benefici del massaggio prostatico ecco quelli principali: un’eiaculazione regolare, una funzione erettile migliorata grazie ad un rilassamento dei muscoli pelvici, un sollievo dal dolore e dall’infiammazione della prostatite, la cura dell’impotenza, una riduzione della sterilità maschile e infine anche un miglioramento del rapporto di coppia che potrà così arricchirsi di elementi e particolari in grado di riaccendere la passione e stuzzicare la fantasia di coppia.

Ma, come per ogni cosa, accanto a questi benefici e vantaggi ci sono anche dei rischi ai quali si va incontro e che si possono evitare solo grazie a dei piccoli accorgimenti.

Ecco alcune indicazioni da tener bene presente prima di imbattersi in un massaggio prostatico, che sia esso interno o esterno:

  • tagliare le unghia: sia che si tratti di una donna o di un uomo, chi svolgerà il massaggio prostatico deve necessariamente avere delle unghia corte e pulite. La presenza di unghia lunghe può provocare graffi e infezioni che potrebbero peggiorare la situazione della prostata nel paziente;
  • usare guanti chirurgici: è opportuno indossarli, soprattutto in caso di massaggio interno, per evitare un contatto troppo diretto con le pareti interne dell’uomo che andrebbero magari a infettare le zone interessate, peggiorando la situazione. L’utilizzo dei guanti è consigliato anche in caso di massaggio prostatico esterno;
  • usare oli lubrificanti: l’utilizzo di questi lubrificanti fa sì che l’introduzione del dito nell’ano dell’uomo sia più semplice, permettendo così al dito stesso di scivolare con maggiore facilità e raggiungere più agevolmente la ghiandola prostatica, senza causare danni o traumi;
  • non esagerare sia nell’intensità del massaggio che nella frequenza delle stimolazioni: il motivo sta nel fatto che una forte intensità così come una frequenza ripetuta possano far emergere le patologie tipiche della ghiandola prostatica, come la prostatite o l’ipertrofia prostatica;
  • setticemia: essa consiste in un’infezione del sangue. I batteri provenienti da una zona infetta entrano nel torrente circolatorio e, se continuano a moltiplicarsi, senza esser controllati dal sistema immunitario o dai farmaci opportuni, possono causare un shock settico, mettendo a serio rischio la vita del paziente stesso;
  • emoraggia: se non si utilizzano i guanti chirurgici o si hanno le unghia troppo lunghe si può rischiare di causare ferite più o meno gravi alle pareti interne del retto che possono sfociare in vere e proprie emoraggie nella zona dell’ano;
  • in ogni caso è opportuno, prima di imbattersi in un massaggio prostatico di qualsiasi tipo, ascoltare il parere del proprio medico per valutare insieme a lui se vi sia effettivamente la necessità di un massaggio prostatico. Se vi sentite poco esperti, i medici consigliano vivamente di dedicarsi ad un massaggio prostatico esterno che sicuramente risulterà meno invasivo e pericoloso.

Un pensiero su “Indicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *